Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sen, le proposte del Free (con l'accento sul clima)
28/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

Dopo le polemiche delle scorse settimane sulla questione dell'aggiornamento della Sen, il Coordinamento Free si è fatto avanti e ha chiesto di poter essere coinvolto nelle consultazioni del governo per dare un proprio contributo alla stesura della strategia energetica. La proposta dell'associazione è contenuta all'interno di un documento presentato mercoledì alla Camera dei Deputati, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente onorario Free GB Zorzoli, il presidente della commissione ambiente della Camera Ermete Realacci, il deputato Pippo Civati e il senatore Gianni Girotto. Dietro l'idea di un mutamento apparentemente solo letterale nella sigla (da Sen a Sec), il Coordinamento Free sostiene la necessità di un passaggio concettuale dalla definizione di una strategia energetica nazionale alla messa a punto di una strategia energetico-climatica, che tenga pertanto in considerazione anche gli obiettivi della Cop21 di contenimento del riscaldamento globale. Ma non basta l'inserimento della questione climatica nell'equazione: le oltre 20 associazioni nel settore delle rinnovabili e dell'efficienza rappresentate da Free chiedono che la strategia sia il più possibile condivisa, che abbia un orizzonte temporale al 2050 con indicazioni operative al 2030 e che gli obiettivi e le azioni definiti siano settoriali, ma coerenti con il quadro complessivo.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]