Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Scorte di diesel in picchiata in Europa e negli Stati Uniti
24/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il diesel non è certo il combustibile del futuro. Scandalo Volkswagen, misure anti-smog e impegni a vietare la vendita di auto a combustione, tuttavia, per ora non hanno intaccato la domanda. In questo momento anzi la richiesta è altissima, tanto che le scorte di carburante – in diverse aree del mondo – stanno scendendo a livelli critici: un fenomeno che contribuisce a sostenere le quotazioni del petrolio, al record da due anni nel caso del Wti (che ieri si è spinto a 58,58 $). Nel principale hub europeo, quello di Amsterdam-Rotterdam-Anversa (Ara), gli stock di gasolio sono diminuiti del 42% dal picco di maggio, scendendo sotto 2 milioni di tonnellate, il minimo da tre anni. Negli Stati Uniti la situazione non è molto diversa: le raffinerie americane continuano a lavorare a pieno ritmo, impiegando oltre il 90% della capacità operativa, ma i carburanti non restano in magazzino. Segnali di forza del mercato si vedono anche in Cina. Nella provincia dello Shandong i prezzi all’ingrosso del diesel ieri hanno superato quelli della benzina, un evento raro, attribuito ai timori di carenza per via del piano anti-smog invernale.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 48)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]