Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Scoperto maxi giacimento in Alaska
06/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

E’ stata annunciata un’altra maxi scoperta di greggio in Alaska, a meno di un mese di quella dell’Alpine High. Si tratta di petrolio convenzionale che si trova al largo delle coste dell’Alaska, dove l’industria petrolifera statunitense sembrava condannata ad un inevitabile declino. La società texana responsabile della scoperta, la Caelus Energy, afferma di aver individuato la presenza di 6 miliardi di greggio leggero nelle acque poco profonde di Smith Bay. La produzione, secondo la società, dovrebbe raggiungere i 200.000 barili al giorno ma non prima del 2022. Caelus ha basato le sue stime sulle rilevazioni sismiche e sulle trivellazioni di due pozzi con cui non ha ancora portato alla luce nemmeno un barile ma, se non ha sbagliato i calcoli, il nuovo giacimento potrebbe quasi raddoppiare le riserve dell’Alaska.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati - Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]