Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Scoperto maxi giacimento in Alaska
06/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

E’ stata annunciata un’altra maxi scoperta di greggio in Alaska, a meno di un mese di quella dell’Alpine High. Si tratta di petrolio convenzionale che si trova al largo delle coste dell’Alaska, dove l’industria petrolifera statunitense sembrava condannata ad un inevitabile declino. La società texana responsabile della scoperta, la Caelus Energy, afferma di aver individuato la presenza di 6 miliardi di greggio leggero nelle acque poco profonde di Smith Bay. La produzione, secondo la società, dovrebbe raggiungere i 200.000 barili al giorno ma non prima del 2022. Caelus ha basato le sue stime sulle rilevazioni sismiche e sulle trivellazioni di due pozzi con cui non ha ancora portato alla luce nemmeno un barile ma, se non ha sbagliato i calcoli, il nuovo giacimento potrebbe quasi raddoppiare le riserve dell’Alaska.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati - Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]