Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Schiaffo di Gazprom a Saipem
09/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Diventa difficile ora immaginare una soluzione consensuale e stragiudiziale per ricomporre la rottura unilaterale del contratto South Stream. Non dopo che Gazprom ha preferito a Saipem il competitor svizzero Allseas per il realizzare il tratto offshore del Turkish Stream, il gasdotto che ha preso il posto di quello poi cestinato dal colosso russo. Il gruppo guidato da Stefano Cao era dato in pole position e sembrava il vincitore naturale della nuova commessa, sia come riparazione allo sgarbo del South Stream sia perché quel tratto sottomarino è praticamente identico nel vecchio e nel nuovo tracciato, e la società italiana aveva già cominciato a lavorarci per South Stream. Ma i russi devono aver fatto altre valutazioni, con il risultato che ieri il titolo Saipem è scivolato di quasi il 2%. La società South Stream Transport, responsabile della costruzione del gasdotto Turkish Stream, ha firmato un contratto con la svizzera Allseas Group per la costruzione del primo ramo del tratto offshore dell’infrastruttura, con un’opzione per la costruzione anche del secondo ramo. Lo ha fatto sapere la stessa Gazprom in un comunicato.

Fonte: MF – Mauto Romano (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]