Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saudi Aramco fra maxi-Ipo e accordo con Pechino
17/10/2017 - Pubblicato in news internazionali

Annunciata come la più grande Ipo della storia, la quotazione di Saudi Aramco forse non sarà cancellata. Ma a questo punto è sempre più probabile che i pieni non saranno rispettati: sui listini internazionali lo sbarco potrebbe essere rinviato oltre il 2018 – o addirittura non avvenire affatto – mentre si rincorrono voci insistenti sulla possibilità di un “private placement” che, vedrebbe in prima fila investitori cinesi. Pechino avrebbe offerto di rilevare fino al 5% della compagnia saudita secondo fonti Reuters, in pratica l’intera quota destinata alla borsa, da cui Riad punta a ricavare 100 miliardi di dollari: una cifra enorme, che assegnerebbe all’intera Saudi Aramco una valutazione di 2mila miliardi e che la maggior parte degli analisti considera un obiettivo inverosimile (secondo stime più realistiche l’Ipo potrebbe fruttare la metà). Un accordo coi cinesi potrebbe tentare l’Arabia Saudita, che nel Paese asitatico – ormai primo importato di petrolio al mondo – sta perdendo quote di mercato, a vantaggio soprattutto di Russia e Iran.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag.27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]