Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Sardegna hub per le navi a gas
01/08/2017 - Pubblicato in news nazionali

La Sardegna si candida a diventare hub del gas nel Mediterraneo. Dopo l’avvio del programma che porterà alla metanizzazione dell’isola prendono corpo e si avviano verso la concretizzazione i progetti per la distribuzione e stoccaggio del Gnl, gas naturale liquefatto sulle coste occidentali. Quattro i progetti in corso, (ognuno a uno stadio differente) più una annunciata. L’iniziativa che prevede la maggiore portata è a Cagliari, dove la Isgas, prevedendo un investimento di 84 milioni di euro ha presentato un progetto per la realizzazione di un terminal in un’area di 73 mila metri quadrati, con tanto di banchina per la connessione e lo scarico del Gnl dalle navi metaniere, di tubazioni criogeniche per il trasporto del fluido nella zona impianto, un sistema di stoccaggio, pompaggio, e rigassificazione del Gnl. Il progetto prevede un deposito da 22mila metri cubi, composto da 18 serbatoi criogenici, 9 stazioni di pompaggio e 40 vaporizzatori ad aria ambiente e una stazione per il filtraggio, la misura e l’odorizzazione del gas naturale propedeutica all’immissione nelle reti di trasporto. Nel terminal quindi il gas liquido arriva a una temperatura di 163 sotto zero e dopo la sua vaporizzazione viene immesso in rete allo stato gassoso. Il progetto, che l’azienda conta di chiudere con tutte le autorizzazioni entro sei mesi (con avvio opere nel 2019), prevede bunkeraggio marittimo che potrà avvenire, «da autobotte a nave; da impianto a terra a nave; da nave a nave; da cisterne mobili o Iso container criogenici».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Davide Madeddu (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]