Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saras, nel piano 2018-2021 investimenti per 800 milioni
13/03/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gruppo Saras archivia l’esercizio 2017 con un utile netto comparabile a 217,4 milioni in crescita del 39% sull’anno precedente e il titolo vola a Piazza Affari. Le azioni della società hanno chiuso ieri le contrattazioni a 1,83 euro per azione con un balzo del 7,65%, dopo l’annuncio di un bilancio 2017 con ricavi a 7,69 miliardi in miglioramento rispetto ai 6,87 miliardi del 2016. A livello di redditività il gruppo ha visto un aumento del margine operativo lordo comparabile a 522,5 milioni da 506 milioni di euro. L’utile netto reported si è attestato a 240,8 milioni (+23%). “È per me estremamente difficile parlare dei risultati e del futuro del gruppo senza poter condividere questo compito con Gian Marco come è sempre avvenuto” ha commentato l’ad Massimo Moratti. Il 2017 è stato un anno fortemente positivo per il Gruppo Saras con l’utile netto che è cresciuto del 23% rispetto all’esercizio precedente. Il cda ha deciso di sottoporre all’approvazione della prossima assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo di 0,112 euro per azione, corrispondente al 52% circa del risultato netto comparabile, contro la cedola di 0,1 euro dello scorso anno. Approvato dal board anche il piano industriale 2018-2022 che prevede una generazione di cassa dalla gestione operativa complessiva pari a 1,9-2,05 miliardi di euro. “Il piano industriale si pone l’obiettivo di conservare una posizione di leadership nel settore della raffinazione anche nel prossimo decennio e punta all’eccellenza operativa attraverso 800 milioni di euro di investimenti focalizzati sul mantenimento di impianti all’avanguardia.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Monica D’Ascenzo (pag. 37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]