Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sanzioni all’Iran: petrolio alle stelle e fuga d’imprese
08/08/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A inizio luglio Donald Trump si era lamentato con l’Opec per i prezzi troppo altri del petrolio. Un mese più tardi, a spingere le quotazioni del greggio sono proprio le decisioni del presidente americano. Gli Usa hanno reintrodotto parte delle sanzioni contro l’Iran che erano state sospese dopo l’accordo sul nucleare del 2015. Fra le produzioni colpite, non figura l’oro nero persiano la cui esportazione sarà vietata dal 5 novembre. Ma questa prospettiva è bastata per far salire il barile Wti oltre i 69 dollari, ai massimi da fine giugno. Significativo anche il rialzo del Brent che ha superato ieri i 74 dollari.  Gli investitori temono che Teheran non riesca a trovare sbocchi per la sua produzione di petrolio né in Cina né in Europa, come qualche analista aveva suggerito nei mesi scorsi. In un tweet, ieri Trump ha avvertito che “chiunque faccia affari con l’Iran non li potrà fare con gli Sati Uniti”. La posta in gioco è alta anche per l’Italia che vende 50 miliardi di dollari di merci in Usa, 1,7 in Iran.

Fonte: MF – Francesco Bertolino (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]