Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sale il rischio sull’export di petrolio dal Kurdistan
29/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

A pochi giorni dal referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno, è sempre più alto il rischio che il petrolio di Erbil non riesca più a raggiungere i mercati internazionali. La Turchia non solo minaccia di “chiudere le valvole” dell’oleodotto che collega i giacimenti curdi al Mediterraneo, ma ha anche garantito che d’ora in avanti tratterà esclusivamente con Baghdad per ogni transazione relativa al greggio. Le forniture a rischio sono tutt’altro che marginali. Ogni giorno attraverso la Turchia passano infatti quasi 600mila barili di greggio al curdo. Per adesso non si segnalano interruzioni nei flussi nell’oleodotto Kirkuk-Ceyhan, né nelle condutture che collegano ai pozzi dell’Iraq settentrionale. Ma la situazione potrebbe cambiare in fretta.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]