Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, il Tribunale di Algeri sblocca 82 milioni
03/02/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il Tribunale di Algeri ha pronunciato oggi la sentenza di primo grado nel procedimento 'Sonatrach 1' nei confronti di Saipem Contracting Algerie (gruppo Saipem) in relazione alla procedura di gara per l'assegnazione, nel 2009, della commessa GK3. La corte ha accolto la richiesta della società petrolifera e ha rimesso nella disponibilità della società due conti correnti in valuta locale di Saipem Contracting Algerie, che erano bloccati dal 2010 in relazione al procedimento e il cui saldo totale è pari all'equivalente di circa 82 milioni di euro. Allo stesso tempo, il Tribunale ha comminato a Saipem Contracting Algerie un'ammenda, pari all'equivalente di circa 34mila euro, quale asserita responsabile della fattispecie sanzionata dalla legge algerina in caso di 'maggiorazione dei prezzi in occasione dell'aggiudicazione di contratti conclusi con una societa' pubblica a carattere industriale e commerciale beneficiando dell'autorità o influenza di rappresentanti di tale società''. Saipem Contracting Algerie "valuterà le motivazioni della odierna decisione del Tribunale e presenterà ricorso in Cassazione avverso la sentenza di primo grado, non ritenendo che vi sia stata alcuna maggiorazione rispetto ai prezzi di mercato.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – red. (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]