Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, la Russia cancella South Stream
10/07/2015 - Pubblicato in news internazionali

South Stream Transport, controllata al 100% da Gazprom, ha deciso di cancellare il contratto con la Saipem per la prima linea della sezione offshore del gasdotto Turkish Stream a causa «dell’impossibilità di raggiungere un accordo su molti lavori e questioni commerciali per l’attuazione del progetto». Saipem ha ricevuto notifica della termination for convenience. Si tratta di una clausola contrattuale standard con la possibilità di recedere dall’accordo in assenza di violazioni dello stesso, a fronte di un compenso determinato in coerenza con le condizioni del contratto. La controllata dell’Eni perde, così, una commessa da 2,4 miliardi e, in base alla clausole contrattuali, riceverà come indennizzo una somma che coprirà i costi di inattività delle navi (personale, manutenzione, ammortamenti). Il titolo ha chiuso la seduta di borsa con un calo del 2,3 per cento. La comunicazione della società fa seguito alle notizie dei giorni scorsi riportate dai media russi secondo cui Gazprom avrebbe deciso di congelare gli investimenti nella costruzione — in fase iniziale — di una delle due diramazioni del corridoio Sud verso il Mar Nero (quella più lunga, di 1.626 chilometri) per le difficoltà di trovare con Ankara un accordo definitivo. E infatti Saipem era scesa a Piazza Affari anche lunedì.

Fonte: Il Sole 24 ore Finanza & Mercati 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas

Nessuna decisione concreta ma l’impegno a continuare a lavorare per arrivare a un accordo prima della fine dell’anno, quando scadrà il contratto di transito del gas verso l’Europa.
[leggi tutto…]

Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina

Lo stato delle relazioni tra Ue e Russia è il primo punto in programma nella riunione della Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento europeo.
[leggi tutto…]

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]