Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem si rafforza in Nigeria
13/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

La Nigeria sta muovendo i primi passi per espandere di un terzo la propria capacità di trasformare il gas naturale in liquefatto, un processo estremamente costoso che permette di esportare il carburante via nave. Si tratta di un programma da 12 miliardi di dollari, necessari però per stare al passo con i maggiori estrattori mondiali di carburante. Un investimento da cui potrebbero trarre beneficio i conti di Saipem. Nigeria Lng, un consorzio che riunisce la compagnia statale e tre major petrolifere (Nigerian National Petroleum Corp., Royal Dutch Shell Plc, Total Sa ed Eni), ha firmato contratti di ingegneria e design per un’importante sede di trasformazione lungo la costa atlantica del paese. I maggiori estrattori e convertitori al mondo di gas naturale liquefatto sono Qatar Australia e Usa che, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, arriveranno a rappresentare nell’insieme il 60% della fornitura globale di Gnl entro il 2023. La Nigeria fornisce il 7% del combustibile. Stando alle dichiarazioni di Nigeria Lng, la società punta a reperire sui mercati finanziari globali i 7 miliardi di dollari necessari a sostenere l’operazione e l’espansione delle attività.

Fonte: MF – Elena Dal Maso (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]