Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem in ostaggio di Piazza Affari
15/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

La società, braccio operativo dell’Eni (che ne controlla il 42,9%), costruisce piattaforme petrolifere. Ma, dai massimi toccati in Bors il 14 settembre del 2012 a 39,92 euro a oggi che di euro ne vale poco più di 8, il titolo ha perso l’80%: oltre 14 miliardi di capitalizzazione bruciati da una società indirettamente pubblica. Il punto zero è collocabile al dicembre del 2012 con lo scoppio dello scandalo algerino. La procura di Milano apre un’inchiesta e accusa Saipem di aver pagato tangenti per ottenere un appalto nel paese nordafricano. Un’indagine che all’epoca dei fatti, portò all’uscita dell’ad di Saipem, Pietro Tali.

Fonte: Il Giornale 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Terna, piano da 6,2 miliardi per potenziare la rete

Con la rotta puntata sulla rete elettrica nazionale, chiamata a supportare il ruolo dominante nella transizione energetica, Terna è pronta a investire 6,2 miliardi nei prossimi cinque anni per accompagnare l’infrastruttura lungo la strada del
[leggi tutto…]

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]