Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem in ostaggio di Piazza Affari
15/07/2015 - Pubblicato in news nazionali

La società, braccio operativo dell’Eni (che ne controlla il 42,9%), costruisce piattaforme petrolifere. Ma, dai massimi toccati in Bors il 14 settembre del 2012 a 39,92 euro a oggi che di euro ne vale poco più di 8, il titolo ha perso l’80%: oltre 14 miliardi di capitalizzazione bruciati da una società indirettamente pubblica. Il punto zero è collocabile al dicembre del 2012 con lo scoppio dello scandalo algerino. La procura di Milano apre un’inchiesta e accusa Saipem di aver pagato tangenti per ottenere un appalto nel paese nordafricano. Un’indagine che all’epoca dei fatti, portò all’uscita dell’ad di Saipem, Pietro Tali.

Fonte: Il Giornale 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Non sono Eni e Total, la Libia fa accordi in Usa e Germania

La compagnia petrolifera libica Noc è riuscita comunque ad inaugurare la sua prima sede internazionale, a Houston.
[leggi tutto…]

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]