Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, La doppia sfida di Cao Meno debiti, più indipendenza
05/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per Saipem si sta profilando un’operazione complessiva da 5,5 miliardi. Il gruppo dell’ingegneria e dell’impiantistica oil & gas, con 7mila ingegneri e presente in 65 mercati, ha bisogno di riequilibrare la struttura finanziaria e il prossimo 27 ottobre, giorno di presentazione del piano industriale potrebbe presentare i propri progetti per i prossimi mesi. Le esigenze della società sono due: in primis quella di abbattere il debito attuale pari a 5,5 miliardi, stimato 5,8 volte l’ebitda a fine 2015. Un livello che si confronta con una media di 2,5 volte per le altre aziende del settore. In secondo luogo c’è la controllante Eni, che ormai da un anno dichiara non più core la sua quota in Saipem. E a far da sfondo, il punto più basso del ciclo per l’industria petrolifera che ha sospeso gli investimenti, spinta da un mercato tenuto in ostaggio dal prezzo compresso del petrolio più che dimezzato rispetto a un anno fa. Molto probabile, quindi, un aumento di capitale.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Daniela Polizzi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]