Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Saipem, crollo senza fine. Banche pronte a entrare
13/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

E questo nonostante una Borsa positiva e il prezzo del petrolio in risalita. A pesare, sul titolo oil di casa Eni è la conclusione dell'aumento con solo l'87,7% di adesioni, pari a un inoptato del 12,2% che vale circa 500 milioni. E che verrà offerto nuovamente in sottoscrizione tra il 15 e il 19 febbraio. Ma al netto delle note perdite subìte in aumento dagli azionisti, cosa aspetta ora Saipem? «Guardando nel dettaglio al consorzio di garanzia commenta il consulente indipendente Luca Barillaro le banche garanti diventeranno azioniste, ma a fare la parte del leone, essendo joint global coordinator e joint bookrunner saranno molto probabilmente Goldman Sachs e Jp Morgan a cui spetta la sottoscrizione della parte più consistente dell'inoptato, e ovviamente anche più commissioni dall'operazione». Così prevedendo che la nuova offerta sui diritti difficilmente sarà un successo - Saipem si prepara ad avere almeno due nuovi azionisti rilevanti, tra le banche d'affari più influenti della finanza mondiale. La domanda che si pongono molti analisti è però se questi nuovi azionisti, e la schiera di banche che li accompagnano nella sottoscrizione dell'inoptato (Banca Imi, Citigroup, Deutsche Bank, Mediobanca, Unicredit, Hsbc, Bnp Paribas, Abn Amro e Dnb Markets.), resteranno nel capitale del gruppo. Guardando al prospetto informativo e secondo la conferma ricevuta dal consorzio di banche, Eni e Cdp (42,5% del capitale cumulato) hanno una clausola di lock-up (obbligo a non vendere) per 180 giorni, ma le banche garanti no. «Questo spiega Giuseppe Rebuzzini di Fidentiis - significa che in qualsiasi momento potrebbero decidere di rivendere una parte o tutte le azioni sul mercato creando nuova pericolosa instabilità sul titolo».

Fonte: Il Giornale

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]