Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Sì” agli investimenti Eni di Gela
03/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Un investimento di quasi 1,8 miliardi per la ricerca e l’estrazione di gas al largo della Sicilia, nell’area del Golfo di Gela, e sulla terraferma. Tanto vale il progetto upstream dell’Eni che ha ricevuto il via libera della sentenza del Consiglio di Stato con la quale è stato respinto il ricorso presentato dalle associazioni ambientaliste (wwf, Legambiente, Greenpeace), Legacoop Pesca Sicilia, Touring Club italiano e dai Comuni di Ragusa, Santa Croce, Vittoria, Scicli, Palma di Montechiaro e Licata. Una sentenza che segna il definitivo via libera al cosiddetto progetto Offshore ibleo che prevede, tra le altre cose, l’esplorazione e la trivellazione in mare, la realizzazione della piattaforma Prezioso K, il completamento di sei pozzi individuati nei campi Argo e Cassiopea e di due pozzi esplorativi ribattezzati Centauro 1 e Gemini 1. La sentenza è un tassello che si va a inserire in un quadro complessivamente giudicato positivo: per quanto riguarda la costruzione della Green refinery, per esempio, il cui investimento vale 220 milioni, i cantieri sono stati avviati all’inizio di aprile,a fine luglio sono stati emessi i primi ordini di acquisto per i materiali e sono in corso le gare per completare l’approvvigionamento delle apparecchiature e del materiale per realizzare la prima fase.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Nino Amadore (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]