Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Russia-Ucraina, guerra del gas per bollette e penali non pagate
06/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Europa avrebbe potuto evitare nuovi guai aggirando l’Ucraina con il gasdotto South Stream, invece la tubatura sotto al Mar Nero non è stata fatta, e così il nostro continente si trova un’altra volta ostaggio di una disputa sul metano fra la Russia e l’Ucraina, come capita ormai da troppi anni. Però questo ennesimo round potrebbe essere l’ultimo, perché il gigante russo Gazprom ha deciso di interrompere immediatamente le forniture di gas dirette al consumo interno di Kiev, e di avviare le pratiche per risolvere anche il contratto di transito con l’Ucraina, sul cui territorio passano ogni anno 90 miliardi di metri cubi di metano destinati all’Europa occidentale. Gazprom ha fatto questa scelta drastica dopo che una corte arbitrale di Stoccolma l’ha condannata a pagare a Kiev una penale di 4,56 miliardi di dollari. Questo perché il colosso russo non ha rispettato il contratto con gli ucraini, che prevede la consegna a Kiev di almeno 110 miliardi di metri cubi di metano all’anno (destinati al consumo interno dell’Ucraina); valori che Gazprom ha ridotto d’imperio, tagliando la media delle consegne a 94 miliardi. Mosca ribatte di non aver rispettato la sua parte d’impegni perché l’Ucraina non ha pagato una parte consistente del gas ricevuto, per un valore di 2 miliardi di dollari. La corte arbitrale ha fatto la sottrazione fra la penale di Gazprom e l’arretrato di Kiev condannando i russi a pagare agli ucraini un saldo di 2,56 miliardi. È ovvio che l’Europa resti ostaggio di queste annose diatribe. In compenso si sta lavorando al Turkish Stream, sempre sotto al Mar Nero, fra Russia e Turchia, che ne ricalca in parte il tracciato; e si punta al raddoppio del gasdotto esistente Nord Stream sotto al Baltico, che taglia fuori anche la Polonia, con cui in passato erano sorti problemi analoghi.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Luigi Grassia (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]