Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Russia e Italia più vicine sul gas”
07/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

L’articolo riporta l’intervista a Ghennadij Shmal, veterano dell'industria dell'energia, sovietica e poi russa. Oggi presidente dell'Unione degli industriali del petrolio e del gas, torna con il pensiero agli anni in cui Mosca costruiva le relazioni con l'Europa e i gasdotti come Druzhba, “fratellanza”, tradita poi dalle controversie con l'Ucraina. Ricorda gli anni di Cernomyrdin e Vjakhirev, capi storici di Gazprom, le notti passate con Eni, Gaz de France o Ruhrgas a negoziare contratti che avrebbero definito forniture per i successivi 25 anni, le prime collaborazioni con Snamprogetti, Ilva, Nuovo Pignone. «In queste tradizioni che ci uniscono all'Italia – spiega - vedo la possibilità di alzare il livello della collaborazione reciproca». Shmal rilancia, e malgrado non siano tempi facili per l'economia russa e per Gazprom sembra deciso a trasformare ogni sfida in opportunità mentre ripete convinto: «Per i prossimi vent'anni l'economia europea si baserà sul gas russo».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Commenti e inchieste – Antonella Scott (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]