Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa «Rivedo il petrolio a 70-80 dollari. Serve la Libia unita»
06/03/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

«Negli ultimi 30 anni abbiamo avuto tanti cicli in salita e tanti in discesa, ma l’anomalia è il prezzo alto non il contrario. In questi sei anni abbiamo visto picchi di prezzo fino a 120 dollari il barile. Una dinamica interrotta nel dicembre 2014, quando l’Opec annuncia il disimpegno quale regolatore dei flussi. È a quel punto che il mercato finisce nelle mani della speculazione più hard, cioè gli hedge fund. Con la conseguenza che se negli anni ’80 per ogni barile fisico si muovevano 6 barili di carta (cioè futures sul petrolio), nel 2015 si è arrivati a 50. E quest’anno è presumibile che, data la congiuntura, quel rapporto aumenterà. Se guardiamo ai fondamentali, viene da pensare che la situazione non sia sostenibile a lungo. Anzi, è molto probabile una ripresa delle quotazioni già a partire dalla seconda metà del 2016». Queste le salienti dichiarazioni di Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, dalle colonne del Messaggero.

Fonte: Il Messaggero – Forum del messaggero (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]