Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ritorna il petrolio di scisto
16/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

La crescita dei prezzi del petrolio sopra i 50 dollari al barile ridà prospettiva ai produttori americani di petrolio da scisto. A questo ritmo gli idrocarburi non convenzionali potranno presto ringraziare l’Opec. Da quando l’organizzazione sostenuta dall’Arabia Saudita si è impegnata a raddrizzare l’andamento del petrolio, salito oltre i 50 dollari al barile, il gas e il petrolio da scisto ha ripreso quota negli Stati Uniti. La settimana scorsa la società Baker Hughes, un riferimento nel settore, ha deciso di riattivare 27 rigs (apparecchi per perforazione) aggiuntivi portando a 624 le piattaforme impiegate per aprire nuovi pozzi. Certo il picco registrato nel 2014 di 1.930 rigs è ancora lontano, ma l’industria dello shale oil e shale gas ha ritrovato un nuovo dinamismo. Con il prezzo del petrolio al di sopra dei 50 dollari al barile gli industriali americani degli idrocarburi non convenzionali sono in grado di rimettersi in moto molto velocemente per ritornare alla redditività, secondo quanto ha dichiarato a Le Figaro Jean-Louis Schilansky, il presidente del Centro degli idrocarburi non convenzionali. Infatti bastano in media poche settimane per impiantare una trivella e qualche mese perché raggiunga un ritmo produttivo.

Fonte: Italia Oggi – Angelica Ratti (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]