Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rischio scioperi nei giacimenti norvegesi
29/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

La possibilità di un imminente sciopero in Norvegia ha aiutato il petrolio a risollevarsi dopo il ribasso di oltre l’8% accusato nella due sedute precedenti. In una seduta in cui tutti i mercati hanno tirato il fiato dopo la batosta Brexit, il barile ha guadagnato circa il 3% riportandosi nel caso del Brent sopra 48 dollari al barile. Il ritorno di un po’ di appetito per il rischio, con il relativo attenuarsi della tensione sul dollaro, sarebbero probabilmente bastati a riportare gli acquisti sul greggio. Anche perché l’esito del referendum britannico, secondo gli analisti, non dovrebbe stravolgere gli scenari di mercato, che finalmente puntano verso un riequilibrio tra domanda e offerta. Si tratta senza dubbio di un elemento di rischio. Ma ci sono enormi scorte, che aiuterebbero a fronteggiare l’ emergenza.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]