Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rischio scioperi nei giacimenti norvegesi
29/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

La possibilità di un imminente sciopero in Norvegia ha aiutato il petrolio a risollevarsi dopo il ribasso di oltre l’8% accusato nella due sedute precedenti. In una seduta in cui tutti i mercati hanno tirato il fiato dopo la batosta Brexit, il barile ha guadagnato circa il 3% riportandosi nel caso del Brent sopra 48 dollari al barile. Il ritorno di un po’ di appetito per il rischio, con il relativo attenuarsi della tensione sul dollaro, sarebbero probabilmente bastati a riportare gli acquisti sul greggio. Anche perché l’esito del referendum britannico, secondo gli analisti, non dovrebbe stravolgere gli scenari di mercato, che finalmente puntano verso un riequilibrio tra domanda e offerta. Si tratta senza dubbio di un elemento di rischio. Ma ci sono enormi scorte, che aiuterebbero a fronteggiare l’ emergenza.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]

Sussidi dannosi: sul tavolo rimodulazioni di 7 Sad, ma cautela su accise gas

La commissione interministeriale sui sussidi ambientalmente dannosi ha individuato proposte per la rimodulazione di sette Sad
[leggi tutto…]