Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A rischio paralisi depositi di gas e trasporti via nave
19/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Per esempio, nel tentativo di promuovere una maggiore sostenibilità il Parlamento può rallentare, fino alla paralisi, le procedure di valutazione di impatto ambientale. Può frenare il ricorso al combustibile a basso impatto ambientale, il metano, a vantaggio di quelli più inquinanti. Può far crescere a dismisura il traffico di autocisterne sulle strade. il disegno di legge a tema ecologico che affianca la legge di Stabilità ora è tornato alla Camera per l'approvazione finale, suscitando non solo fra le imprese ma anche fra alcune primarie associazioni ambientaliste i brividi per le sviste anti-ecologiche che sembrano frutto di paure locali, leggende urbane e superstizioni. Un esempio: in Emilia si diffuse la diceria che uno stoccaggio di metano solamente progettato e mai realizzato nel Modenese avesse scatenato il terremoto del 2O12. In sostanza ciò che si teme maggiormente è una paralisi delle procedure di valutazione di impatto ambientale. Il tutto, pensando di tutelare l'ambiente.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e Territori

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]