Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre
10/10/2019 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile. La crescita dei focolai di tensione geopolitica sempre più numerosi e pericolosi per le forniture, ultimo l’offensiva della Turchia contro le milizie curde, non dominano le preoccupazioni del mercato nonostante in qualche caso risulta già compromessa l’offerta. Nella giornata di ieri si è assistito anche ad alcuni spunti al rialzo legati a fattori come le aspettative ottimiste circa l’esito delle trattative sui dazi e in parte al dato relativo al calo delle scorte di americane di greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]