Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre
10/10/2019 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile. La crescita dei focolai di tensione geopolitica sempre più numerosi e pericolosi per le forniture, ultimo l’offensiva della Turchia contro le milizie curde, non dominano le preoccupazioni del mercato nonostante in qualche caso risulta già compromessa l’offerta. Nella giornata di ieri si è assistito anche ad alcuni spunti al rialzo legati a fattori come le aspettative ottimiste circa l’esito delle trattative sui dazi e in parte al dato relativo al calo delle scorte di americane di greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dalla siderurgia ai componenti auto, Gualtieri al lavoro sui settori cui destinare i fondi del Green New Deal

Dall’efficientamento energetico degli edifici pubblici, a partire dalle scuole, da finanziare anche con l’emissione di green bond, a sostegno alla riconversione della componentistica auto verso la mobilità sostenibile, dal piano naziona
[leggi tutto…]

Snam perfeziona l’acquisto di Olt

Snam finalizza l’acquisizione del 49% di Olt
[leggi tutto…]

Gas Intensive, iniziativa Di Maio penalizza i consumatori

Bene l'iniziativa del ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli contro gli aumenti delle tariffe di uscita dalla rete gas della Germania
[leggi tutto…]