Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La risalita del greggio, primo passo verso la normalità
30/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo l’accordo di novembre riguardante i tagli di produzione tra paesi Opec e paesi non Opec, il barile del greggio è tornato stabilmente sopra i 50 dollari. La conseguenza diretta è la fine del periodo di bassa inflazione per i prezzi al consumo. Un’altra conseguenza è il ritorno della profittabilità della produzione e degli investimenti nel settore. Infine bisogna sottolineare anche come questo prezzo stabile semplifichi enormemente la stesura dei bilanci pubblici per Paesi che dipendono dall’export di petrolio (Russia e paesi mediorientali). L’inflazione sta tornando, quindi, alla normalità, ossia verso una crescita annua del 2%. Di conseguenza torneranno alla normalità anche le politiche delle banche centrali.

Fonte: Corriere Economia – Francesco Daveri (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]