Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riparte il rally della CO2: permessi Ue al record da 11 anni
13/07/2019 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo dei permessi per l’emissione di CO2, scambiati nel sistema Eu-Ets, ha dato un nuovo strappo al rialzo, toccando i 28,84 euro per tonnellata (+250% dall’inizio del 2018). Inizialmente, a risvegliare i prezzi, era stata la decisione di Bruxelles di avviare un ritiro graduale del surplus dei permessi, accumulato durante la crisi economica, mediante il meccanismo della Market Stability Reserve, in funzione da quest’anno. L’avvio del valzer delle poltrone europee ha poi innescato altri rincari. La candidata alla guida del Parlamento Europeo, Ursula von der Leyen, apprezza l’Emission Trading Scheme (Ets) ma punta a promuovere regole più stringenti, come l’estensione degli obblighi a una platea di soggetti più ampia. Von de Leyen promette anche di battersi per alzare dal 40 al 50% l’obiettivo di riduzione delle emissioni al 2030 e promuovere la carbon neutrality nel 2050. Anche il Governo tedesco sembra andare nella stessa direzione, valutando il ritiro dei permessi di emissione per accelerare il phase out dal carbone. A influire sul prezzo della CO2 ci sono anche i fattori stagionali e il rialzo delle quotazioni del petrolio e del gas.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]