Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riparte alla grande la produzione statunitense di petrolio di scisto
20/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il barile è tornato dalla fine di ottobre sopra i 60 dollari, i pozzi di petrolio di scisto sono tornati redditizi. E a differenza dei megaprogetti offshore o nelle regioni artiche, tra la prima trivellazione di un pozzo e l’entrata in produzione passano in media tra uno e tre mesi solamente. La produzione statunitense è ripartita dall’inizio dello scorso autunno. Tra settembre e novembre è aumentata di 846 mila barili al giorno. A questi ritmi la produzione di greggio degli Usa supererà ben presto quella dell’Arabia Saudita, nota l’Aie, l’Agenzia internazionale dell’energia. Entro la fine dell’anno gli Usa dovrebbero anche soppiantare la Russia e diventare numero uno mondiale. Un primato già conquistato se si considerano tutti gli oli, settore in cui gli Usa sono già numero uno da diversi anni.

Fonte: ItaliaOggi – red. (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas

Nessuna decisione concreta ma l’impegno a continuare a lavorare per arrivare a un accordo prima della fine dell’anno, quando scadrà il contratto di transito del gas verso l’Europa.
[leggi tutto…]

Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina

Lo stato delle relazioni tra Ue e Russia è il primo punto in programma nella riunione della Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento europeo.
[leggi tutto…]

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]