Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rigassificatori senza Imu. Pagano gli alloggi di servizio
23/01/2018 - Pubblicato in news nazionali

La legge di Bilancio chiarisce due punti sull’applicazione dell’Imu ai rigassificatori ubicati nel mare territoriale e alle banchine e depositi nei porti di rilevanza economica nazionale e internazionale. Si tratta di questioni che hanno formato oggetto di un nutrito contenzioso tributario con esito altalenante. Il problema è sorto dall’analisi degli esiti di una problematica similare che ha interessato le piattaforme petrolifere. La legge di Bilancio 2018, pur non prevedendo modifiche alla normativa di accatastamento per ricomprendere questi immobili nella sfera di applicazione dell’imposta, specifica che questa si applichi alla sola porzione del manufatto destinata ad uso abitativo e di servizi civili. Si è in attesa delle direttive ministeriali attuative. Una seconda disposizione stabilisce la non assoggettabilità, dal 1° gennaio 2020, di banchine, aree scoperte e relativi depositi nell’ambito dei porti di rilevanza economica nazionale e internazionale di competenza delle autorità portuali.

Fonte: Il Sole 24 Ore Impresa & Territori – Antonio Iovine (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]