Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ridisegnato il risiko globale dell’energia
16/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti sono diventati il primo Paese al mondo nella produzione di greggio e di gas naturale. La Cina, d’altra parte, è il principale consumatore di energia mondiale. Una partnership commerciale sulle fonti energetiche è lo scenario naturale tra le due prime super potenze mondiali. Una collaborazione che si è bloccata in questi 20 mesi di guerra dei dazi. L’impegno cinese di acquistare dagli Usa energia per 52,4 miliardi di dollari è una “win win situation”, che aiuta entrambi. Pechino ha bisogno di petrolio e gas per far crescere la sua economia e la sua produzione industriale energivora. Washington ha necessità di vendere il suo gas e il suo petrolio così come le materie prime petrolchimiche. L’accordo siglato da Trump ridisegna così il risiko della politica energetica mondiale, rilanciando l’export statunitense di Lng e petrolio che era crollato sulla scia della guerra dei dazi. Gli Usa scommettono sulla produzione di Lng, che compresso può essere esportato con le navi: Qatar e Australia sono i leader del mercato, ma gli Usa nei prossimi 5 anni puntano a superare entrambi. La pax commerciale firmata alla Casa Bianca riapre anche la partita degli investimenti energetici cinesi negli Usa.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Riccardo Barlaam (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]