Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riad taglia l’export, risale il greggio
25/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Un taglio netto delle esportazioni di petrolio (per ora solo di quelle saudite, poi si vedrà), una promessa di collaborazione da parte dalla Nigeria e un impegno a vigilare in modo più severo sugli indisciplinati del gruppo. Sono queste le toppe con cui Riad prova a chiudere le falle dell’accordo Opec-non Opec, che a sei mesi dall’entrata in vigore sta facendo acqua da più parti. il ministro saudita Khalid Al Falih non rientra a mani vuote dalla missione a San Pietroburgo, dov’era accorso per partecipare in prima persona al Comitato congiunto per il monitoraggio dei tagli produttivi. E il mercato – sia pure senza eccessi di entusiasmo – ha apprezzato: le quotazioni del greggio hanno guadagnato oltre l’1%, con Brent e Wti che a fine seduta scambiavano rispettivamente sopra 48 e sopra 46 dollari. A convincere sono soprattutto gli impegni sull’export. L’Arabia Saudita ha già iniziato da un paio di mesi a limitare le consegne agli Stati Uniti, al punto da averle più che dimezzate nella settimana al 14 luglio, a 524mila barili al giorno, il minimo da 7 anni. Ma ora intende andare oltre: i clienti sono già stati informati di «un taglio profondo» delle spedizioni di greggio in agosto, ha detto Al Falih, specificando che le limiterà a 6,6 milioni di barili al giorno, un taglio di un milione di barili rispetto all’anno scorso. La scarsa efficacia dei tagli produttivi è ormai sotto gli occhi di tutti e la colpa non è solo dello shale oil americano. Ci sono Libia e Nigeria, che con l’inaspettato recupero delle estrazioni hanno neutralizzato un terzo dei tagli Opec. E c’è una crescente insofferenza tra i partecipanti al patto, che si è spinta fino all’insubordinazione esplicita da parte dell’Ecuador: Quito nei giorni scorsi ha dichiarato di aver riaperto i rubinetti del greggio per problemi di budget. Il tradimento riguarda un membro minore dell’Opec. Ma ci sono inganni peggiori, come quello dell’Iraq, che in giugno ha effettuato solo il 28% dei tagli promessi, o del Kazakhstan, produttore non Opec, che invece di tagliare ha aumentato l’output di ben 29mila bg nello stesso mese.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]