Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>
18/09/2020 - Pubblicato in news internazionali

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare. L’Opec torna ad alzare la guardia di fronte ai cedimenti del mercato e lo fa rilanciando la linea della fermezza e dell’unità: aspetto cruciale visto che anche gli Emirati Arabi, uno dei membri più fedeli, ha recentemente sfidato le regole. Nella difesa del petrolio, sempre più necessaria ai tempi del Green Deal, ci sono alleati quali Riad non può rinunciare. L’incontro mensile del comitato che vigila sui tagli alla produzione è stata l’occasione per dimostrare che Opec Plus tiene ancora saldamente le redini del mercato e non ci sono dissidi interni. Il ministro saudita dell’energia ha intimato agli speculatori di non scommettere contro l’Opec sen non vogliono <<farsi del male>>. Le quotazioni del parile sono salite del 3%. La coalizione darà più tempo agli inadempienti per recuperare i tagli non ancora effettuati, fino a fine dicembre. Nell’incontro di ieri anche i dissidi sembrano rientrati.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]