Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Renzi all’Onu: la firma sul clima e i dieci punti del piano italiano
22/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è a New York  prima della firma dell’accordo di Parigi sul clima. In un discorso all’Onul Renzi ha dichiarato che quello energetico è: «l’obiettivo principale del nostro viaggio americano». Renzi ha elencato i 10 punti della proposta italiana, con una premessa: «Non è che passato il referendum sulle trivelle ora si può pensare che la questione ambientale sia stata risolta». La Russia resta l’interlocutore privilegiato in campo energetico, cui «stiamo affiancando un corridoio verso sud, con il dialogo con tanti Paesi africani». Ecco in sintesi lo schema dell’intervento all’Onu: investimenti nell’eolico, nel solare, nella energia idrica e geotermica. Introduzione dei contatori digitali, con un piano da qui a quattro anni «sarà una grande occasione per gli elettricisti del nostro Paese». Poi ancora misure per aumentare l’efficienza energetica delle case popolari, un programma di acquisto di autobus non inquinanti; potenziamento della cosiddetta «raffinazione verde» (800 milioni di euro di investimenti) e più energia da biomassa.

Fonte: Corriere della Sera – Giuseppe Sarcina (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]