Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Regione contro il rigassificatore
05/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Sabato la Regione Friuli Venezia Giulia ha comunicato un nuovo ricorso al Tar del Lazio per bloccare l’insediamento di “un impianto di rigassificazione che il gruppo catalano Gas Natural intende costruire in località Zaule, frazione di Muggia, in provincia di Trieste”. Questa volta si tratta di ricorso “per motivi aggiunti”, dopo l’impugnazione – a fine aprile 2015, davanti al Tribunale amministrativo regionale del Lazio – del parere di compatibilità del progetto con il piano regolatore del porto di Trieste, espresso al ministero dell’Ambiente dalla Commissione tecnica per la Valutazione d’impatto ambientale (VIA) e Valutazione ambientale strategica (VAS). In sostanza, il ricorso evidenzia ancora una volta la volontà della Regione di opporsi alla realizzazione del progettato rigassificatore di Zaule. Solo lo scorso inizio di giugno era arrivato quello che pareva l’ennesimo stop: la presidente della Regione Debora Serracchiani, in un incontro con il neo insediato ministro Carlo Calenda aveva ricevuto conferma che il rigassificatore di Zaule non era nell’agenda dell’Esecutivo.  

Fonte: Il Sole 24 Ore, impresa e territori – Barbara Ganz (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]