Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Regione contro il rigassificatore
05/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Sabato la Regione Friuli Venezia Giulia ha comunicato un nuovo ricorso al Tar del Lazio per bloccare l’insediamento di “un impianto di rigassificazione che il gruppo catalano Gas Natural intende costruire in località Zaule, frazione di Muggia, in provincia di Trieste”. Questa volta si tratta di ricorso “per motivi aggiunti”, dopo l’impugnazione – a fine aprile 2015, davanti al Tribunale amministrativo regionale del Lazio – del parere di compatibilità del progetto con il piano regolatore del porto di Trieste, espresso al ministero dell’Ambiente dalla Commissione tecnica per la Valutazione d’impatto ambientale (VIA) e Valutazione ambientale strategica (VAS). In sostanza, il ricorso evidenzia ancora una volta la volontà della Regione di opporsi alla realizzazione del progettato rigassificatore di Zaule. Solo lo scorso inizio di giugno era arrivato quello che pareva l’ennesimo stop: la presidente della Regione Debora Serracchiani, in un incontro con il neo insediato ministro Carlo Calenda aveva ricevuto conferma che il rigassificatore di Zaule non era nell’agenda dell’Esecutivo.  

Fonte: Il Sole 24 Ore, impresa e territori – Barbara Ganz (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]