Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Regione Puglia ricorre a Mattarella sul gasdotto Tap
19/02/2016 - Pubblicato in news nazionali

La vicenda riguarda la procedura con cui il Ministero dell’Ambiente ha rilasciato la VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) riguardante il progetto di realizzazione della Tap, con l’approdo pugliese individuato nella costa compresa tra San Foca e Torre Specchia Ruggeri. A questa soluzione la Regione Puglia ed il Comune di Melendugno si sono sempre opposti, ritenendo inopportuno che questo impianto vada ad allocarsi in un territorio dal grande impatto ambientale, naturalistico e turistico. Per i giudici amministrativi, invece, “il progetto Tap è stato sottoposto ad un’approfondita valutazione dell’impatto ambientale – si legge nella sentenza – che si è conclusa in senso favorevole dopo un esame che ha riguardato anche una serie di tracciati alternativi”; e “non possono essere condivise” le ulteriori censure tra l’altro “sull’irragionevolezza della valutazione di impatto ambientale e sull’incompatibilità della scelta localizzativa prescelta”, giacché è stata operata “un’approfondita valutazione” valutato “un contemperamento tra interessi pubblici, tutti di rilievo, arrivando ad escludere la possibilità di non realizzare l’intervento”. Per i giudici, però, le ragioni pugliesi non sono abbastanza supportate, anche in considerazione del rilievo complessivo dell’impianto e sulla necessità di realizzarlo. Sposando, in pieno, le posizioni del Ministero dello Sviluppo Economico che ha parlato di scelta ponderata considerando anche eventuali alternative e non ritenendole idonee. Ma la Regione Puglia non ci sta e già nella giornata di ieri ha impugnato “con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica il decreto direttoriale emesso dal Mise il 20 ottobre 2015 con cui è stato incluso nella Rete nazionale dei gasdotti il tratto ‘Interconnessione TAP’ senza il necessario coinvolgimento della Regione”. Ad annunciarlo il presidente della giunta regionale, Michele Emiliano. Interviene in merito il consigliere regionale M5S Antonio Trevisi primo firmatario di una mozione che richiedeva questo intervento da parte del presidente Emiliano: “Siamo lieti che il nostro pressing nei confronti del presidente della Regione abbia portato i suoi frutti anche se tardivi. Dal 19 dicembre infatti avevamo richiesto che la Regione facesse ricorso al TAR e quando i termini sono stati fatti colpevolmente scadere avevamo richiesto il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica che finalmente vediamo arrivare. Finalmente qualcuno sembra essersi insomma svegliato con una azione concreta sul fronte TAP anche se forse troppo tardi”.

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & territori ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]