Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Rally del petrolio con ipotesi tagli
03/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entità. Infatti le quotazioni del Brent si sono impennate del 47% nel corso della seduta, anche se in seguito si sono riportate poco sotto i 30$. Non sarà facile arrivare a un risultato concreto: non si sa ancora con precisione quali Stati siano disposti a chiudere i rubinetti, né come si ripartiranno i sacrifici e quando lo faranno. Donald Trump ha annunciato con due tweet in cui prefigura da parte di russi e sauditi tagli “ di circa 10 milioni di barili” che “potrebbero salire a 15 milioni”. Da Riad, l’Arabia Saudita chiede la convocazione di un vertice d’emergenza con la Russia, il resto della coalizione OpecPlus e un “gruppo di altri Paesi”, con l’obiettivo di “raggiungere una soluzione equa per ricostruire l’equilibrio desiderato sul mercato del petrolio”. E’ chiaro se Riad chiuderà i rubinetti solo se faranno anche tutti gli altri che stavolta la categoria non comprende solo i vecchi alleati, ma anche gli Usa e magari il Canada, il Brasile e il Messico. Trump, oltre che lavorare sul piano diplomatico, aveva già in programma di varare misure a sostegno dell’industria petrolifera Usa. Centinaia di frakers sono sull’orlo del fallimenti. Non è detto comunque che ci voglia per forza un’OpecPlus allargata. La domanda di greggio ridotta al lumicino, i prezzi troppo bassi e lo spazio di stoccaggio vicino ad esaurirsi stanno già costringendo il mercato ad adeguarsi, con una sorta di selezione darwiniana che ha già colpito i produttori più deboli e isolati.

Fonte: Il Sole 24 Ore - Sissi Bellomo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]