Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Quel patto del metano tra Mosca e Pechino
05/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’accordo siglato a Pechino dal presidente russo, Vladimir Putin con l’omologo cinese, Xi Jinping, per l’export di ingenti quantitativi di gas russo alla Cina, collegherà, dal dicembre 2019, la Siberia all’estremo nord dell’Asia. Sotto il profilo economico il Dragone si procurerà così una risorsa essenziale per accrescere notevolmente le sue potenzialità. A sua volta la Russi potrà dipendente assai meno di prima da un metano di sbocco come quello europeo a cui da tempo era destinata la parte più consistente di gas. Inoltre questo grosso affare appare destinato a stabilire una salda alleanza strategica fra Russia e Cina nel quadro della scacchiera internazionale. Per il momento appare evidente come sarà soprattutto l’Europa a risentire di questo costituendo “cordone ombelicale” energetico che alimenterà la produzione industriale cinese e accrescerà le riserve finanziarie altrimenti in crescente sofferenza del Cremlino. Sta di fatto che adesso Berlino e Bruxelles stanno discutendo per cercare di cautelarsi fra Mosca e Pechino, se e come giungere a raddoppiare l’impianto del Nord Stream che della Siberia collegata la Germania e , di qui, l’Europa occidentale.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Valerio Castronovo (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019

Il mondo si potrebbe trovare senza petrolio.
[leggi tutto…]

L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas.
[leggi tutto…]

Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam

"Con Bank of China sarà firmato nella giornata di sabato 23 marzo, un Memorandum of Understanding che rafforza la collaborazione su vari strumenti finanziari tra Eni e Bank of China".
[leggi tutto…]