Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Quei finti fallimenti delle compagnie energetiche Usa
25/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Potranno anche essere in bancarotta, ma le tentacolari miniere del Powder River Basin in Wyoming continuano a sfornare carbone. Ed è lo stesso per i campi petroliferi del Golfo e i pozzi di shale gas sulle Montagne Rocciose. Gli investitori del settore energetico hanno a lungo sperato che il calo delle quotazioni sarebbe stato la giusta soluzione, inducendo i produttori al fallimento e arrestando così l’eccesso di offerta. Invece i fallimenti hanno a malapena avuto un impatto sui mercati dei combustibili fossili. Nel 2015-2016 circa 70 compagnie petrolifere e del gas Usa si sono sottoposte alla procedura fallimentare. Ma, secondo Wood Mackenzie, quasi nulla è cambiato dopo la bancarotta: attualmente producono 1 milione di barili al giorno, il 5% dell’output americano. E tale resilienza ha mantenuto i prezzi vincolati. La teoria secondo cui i fallimenti avrebbero contribuito a equilibrare il mercato «era sbagliata in partenza», conclude Roy Martin, analista di Wood Mackenzie. Questo è proprio il modo in cui il Chapter 11 doveva funzionare. Il processo è stato progettato per salvare le aziende salvabili e molte compagnie energetiche lo stanno sfruttando per alleggerire il carico debitorio, adeguarsi ai periodi di magra e continuare a produrre. Peabody Energy, Arch Coal e Alpha Natural Resources, tre dei più grandi estrattori di carbone degli Usa, negli ultimi 18 mesi hanno dato avvio alla procedura fallimentare. Nella prima metà del 2015 rappresentavano il 36% della fornitura di carbone a stelle e strisce, quest’anno la loro quota è quasi invariata al 33%. «È frustrante», commenta Adam Wise, ad di John Hancock Financial Services. «Molte di queste aziende operano con le stesse modalità precedenti la bancarotta o quasi».

Fonte: MF – John W. Miller, Timothy Puko (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]