Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Quatar si difende con l’arma del gas: produrremo di più
05/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Sotto pressione per il boicottaggio dei sauditi e insidiato dalle ambizioni di dominio energetico (oltre che dalla politica estera) degli Stati Uniti, il Qatar risponde con l’arma del gas: la sua produzione aumenterà del 30% nel giro di 5-7 anni, consentendogli di difendere il primato mondiale nelle forniture di Gas naturale liquefatto (Gnl). È stato il ceo di Qatar Petroleum, Saad Al Kaabi, a comunicarlo, precisando che l’incremento avverrà grazie allo sviluppo di North Field, il maggior giacimento di gas del mondo, che Doha condivide con Teheran. La parte in acque iraniane è nota come South Pars e molto probabilmente non è un caso che l’annuncio qatarino sia arrivato proprio il giorno successivo alla firma degli accordi di Total con la Repubblica islamica per la Fase 11 di SouthPars. La compagnia francese, che si è aggiudicata il contratto da 4,8 miliardi di dollari insieme alla cinese Cnpc, è la prima società occidentale a tornare in Iran dopo l’intesa sul nucleare. Con Donald Trump alla Casa Bianca gli Usa si sono anche riavvicinati all’Arabia Saudita, sempre in chiave anti-iraniana. Mentre il Qatar, già filo-iraniano, sta ora stringendo ulteriormente i suoi legami con Teheran, dopo le accuse saudite di esserne “complice” nel sostenere il terrorismo islamico. Doha nei giorni scorsi ha opposto un netto rifiuto alle condizioni poste da Riad e dai suoi alleatati (Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein) per mettere fine all’embargo, tra cui c’era anche la rottura delle relazioni con l’Iran. L’ultimatum scade oggi. E il gas – come spesso accade, non solo in Medio Oriente – è entrato in gioco come strumento di politica estera. Il Qatar – che ha costi di produzione molto bassi e una posizione geografica privilegiata, a metà strada tra Europa e Asia – minaccia di mettere i bastoni tra le ruote ai concorrenti: l’Australia, che aspira a sottrarle il primato del Gnl, ma soprattutto gli Stati Uniti. Prima del G20 in Germania Trump domani farà tappa a Varsavia, ospite del Summit dei Tre Mari(Adriatico, Baltico e Mar Nero), che riunisce Polonia, Austria, Ungheria, Lettonia e Lituania. Scopo esplicito dell’incontro – in linea con la nuova ambizione di «dominio globale» nel settore dell’energia – è promuovere il Gnl americano come strumento di emancipazione dalla Russia. Mosca stessa non sta con le mani in mano. Ieri il ceo di Gazprom, Alexei Miller, ha dichiarato che le forniture di gas alla Cina attraverso la pipeline Power of Siberia inizieranno il 20 dicembre 2019.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]