Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Qatar aiuta Glencore e sale al 19% di Rosneft
05/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Si è fatto avanti il Qatar per risolvere l’impasse dell’investimento in Rosneft, che rischiava di creare difficoltà crescenti non solo a Glencore ma anche a Intesa Sampaolo. Doha, attraverso suo fondo sovrano, si accollerà quasi per intero la quota della compagnia petrolifera russa che aveva acquisito nel 2016 insieme al gruppo svizzero e diventerà così il terzo azionista di Rosneft con il 18,83%. La joint venture tra Qatar Investment Authority (Qia) e Glencore è stata sciolta e la società guidata da Ivan Glasenberg verrà liquidata con 3,7 miliardi di euro, che userà per ripagare i prestiti concui due anni fa ha finanziato l’investimento. Il maggior creditore, affiancata da banche russe è l’italiana Intesa, che si era esposta fino a un massimo di 5,2 miliardi. Glencore e Qia avevano acquistato il 19,5% do Rosneft per 10,2  miliardi di euro, venendo in soccorso del governo russo in un momento molto difficile per il mercato del petrolio: a inizio 2016 il prezzo del barile era crollato sotto 30 dollari. A Glencore restano ora in mano lo 0,57% di Rosneft e il contratto grazie al quale commercializza 220mila barili al giorno del suo greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]