Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Putin cede a Glencore e qatar il 20% di Rosneft
08/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il governo russo ha annunciato ieri sera la chiusura della privatizzazione del 19,5% del colosso petrolifero pubblico Rosneft. Stando a quanto riferito dal portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, il presidente di Rosneft, Igor Sechin, ha informato il presidente Vladimir Putin «del completamento dell’accordo di privatizzazione del 19,5% delle quote della più grande compagnia petrolifera russa, Rosneft». Parlando alla stampa, Peskov ha precisato che gli investitori sono Glencore Consortium e il fondo sovrano del Qatar, e che l’operazione porterà alle casse del Cremlino 10,5 miliardi di euro. Si apre quindi con questa operazione un asse tra Russia e Qatar che potrebbe avere sviluppi interessanti in termini geo-politici anche nel caldissimo scacchiere mediorientale.Il governo russo ha annunciato ieri sera la chiusura della privatizzazione del 19,5% del colosso petrolifero pubblico Rosneft. Stando a quanto riferito dal portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov, il presidente di Rosneft, Igor Sechin, ha informato il presidente Vladimir Putin «del completamento dell’accordo di privatizzazione del 19,5% delle quote della più grande compagnia petrolifera russa, Rosneft». Parlando alla stampa, Peskov ha precisato che gli investitori sono Glencore Consortium e il fondo sovrano del Qatar, e che l’operazione porterà alle casse del Cremlino 10,5 miliardi di euro. Si apre quindi con questa operazione un asse tra Russia e Qatar che potrebbe avere sviluppi interessanti in termini geo-politici anche nel caldissimo scacchiere mediorientale.

Fonte: MF – Luciano Mondellini (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]