Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Puntare su petrolio, meccanica e design
21/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

Dal 2006 l’Italia ha perso molte posizioni, pur rimanendo il non Paese esportatore nei confronti dell’Iran. Riguadagnare le quote i mercato perse non sarà facile. I fari per una riapertura dei commerci con Teheran sono puntati sul settore petrolifero, quello che necessita dei maggiori capitali freschi. Dal 2011 a oggi il petrolio esportato dall’Iran si è dimezzato(da 2,6 a 1,4 mln b/g). “Le attività collegate agli idrocarburi, dice un report di Intesa-Sanpaolo – forniscono oltre il 60% dei proventi dalle esportazioni e circa i due terzi delle entrate fiscal”. Il Paese dovrà dotarsi di un’industria e di infrastrutture adeguate: sarà fondamentale l’apporto di nuova tecnologia come valvole, raccordi e strutture per la lavorazione domestica del petrolio. Il secondo settore di opportunità, è l’automotive. L’Iran era un mercato da 1,5 milioni di immatricolazioni di veicoli all’anno nel periodo pre-inasprimento sanzioni del 2011, l’anno scorso la Khodro, la società locale produttrice di auto, ha tagliato la produzione a 500 mila unità, metà della sua capacità produttiva. Ora ci si attende un ritorno sopra i 2 milioni di unità all’anno.

Fonte: Il Sole 24 Ore – V.D.R. (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]