Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Progetti prioritari Ue, arriva l’interconnessione Tap
27/02/2019 - Pubblicato in news internazionali

Restano una decina, ma con un paio di esclusioni e altrettante new entry rispetto alle proposte di due anni fa, i progetti nel settore gas che coinvolgono l’Italia candidati a entrare o a rimanere nella lista dei Progetti di interesse comune europeo (Pci). La Commissione Ue ha pubblicato oggi e messo in consultazione fino al prossimo 20 maggio la lista dei progetti che aspirano allo status di Pci nel settore gas, che comprende 122 iniziative nella trasmissione, rigassificazione e stoccaggio. In particolare, la lista include i gasdotti Italia-Malta, Galsi dall’Algeria alla Sardegna, EastMed dall’offshore di Cipro alla Grecia via Creta, Linea Adriatica e Dorsale Appenninica di Snam nonché i vari elementi del Southern Gas Corridor: Scp, Tanap, Tap e Igi Poseidon (con relativa bretella Igb verso la Bulgaria). E’ proposto invece per la prima volta il tratto finale del Corridoio Sud, ovvero l’interconnessione Tap di Snam. Di rilievo anche la candidatura del gasdotto bidirezionale Slovenia-Ungheria. Da segnalare infine i progetti dei Tso francese Teréga (controllato da Snam con il 40,5%) e spagnolo Enagás per le connessioni South Transit East Pyrenees (Step), nonostante la bocciatura dei regolatori dei due Paesi Cre e Cnmc.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]