Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La produzione di Eni & C sale e Astana batte cassa
28/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e gli altri partner del consorzio Kpo si sono visti subito recapitare dal governo kazako la richiesta di aumentare i fondi destinati al sociale. Il governatore del Kazakhstan occidentale si è subito assicurato una riposta positiva da parte delle oil company, che nei 20 anni di attività a Karachaganak hanno già investito circa 350 milioni di dollari nelle infrastrutture sociali nella regione. Il consorzio stacca ogni anno un assegno di 20 milioni di dollari per questo scopo. Kpo vede come principali azionisti Eni e Shell con quote del 29,25% ciascuno. Seguono Chevron e Lukoil. C’è poi la compagnia kazaka con il 10%. Il giacimento impiega circa 4 mila tecnici locali, e la quasi totalità dei fornitori è kazaka, con un giro d’affari annuo di circa 400 milioni di dollari. Dal 1997 ad oggi si stima che il contributo diretto all’economia della repubblica ex Urss sia stato di circa 6,5 miliardi di dollari.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]