Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La produzione di Eni & C sale e Astana batte cassa
28/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e gli altri partner del consorzio Kpo si sono visti subito recapitare dal governo kazako la richiesta di aumentare i fondi destinati al sociale. Il governatore del Kazakhstan occidentale si è subito assicurato una riposta positiva da parte delle oil company, che nei 20 anni di attività a Karachaganak hanno già investito circa 350 milioni di dollari nelle infrastrutture sociali nella regione. Il consorzio stacca ogni anno un assegno di 20 milioni di dollari per questo scopo. Kpo vede come principali azionisti Eni e Shell con quote del 29,25% ciascuno. Seguono Chevron e Lukoil. C’è poi la compagnia kazaka con il 10%. Il giacimento impiega circa 4 mila tecnici locali, e la quasi totalità dei fornitori è kazaka, con un giro d’affari annuo di circa 400 milioni di dollari. Dal 1997 ad oggi si stima che il contributo diretto all’economia della repubblica ex Urss sia stato di circa 6,5 miliardi di dollari.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]