Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La produzione di Eni & C sale e Astana batte cassa
28/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e gli altri partner del consorzio Kpo si sono visti subito recapitare dal governo kazako la richiesta di aumentare i fondi destinati al sociale. Il governatore del Kazakhstan occidentale si è subito assicurato una riposta positiva da parte delle oil company, che nei 20 anni di attività a Karachaganak hanno già investito circa 350 milioni di dollari nelle infrastrutture sociali nella regione. Il consorzio stacca ogni anno un assegno di 20 milioni di dollari per questo scopo. Kpo vede come principali azionisti Eni e Shell con quote del 29,25% ciascuno. Seguono Chevron e Lukoil. C’è poi la compagnia kazaka con il 10%. Il giacimento impiega circa 4 mila tecnici locali, e la quasi totalità dei fornitori è kazaka, con un giro d’affari annuo di circa 400 milioni di dollari. Dal 1997 ad oggi si stima che il contributo diretto all’economia della repubblica ex Urss sia stato di circa 6,5 miliardi di dollari.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]