Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Primo stop al rally del petrolio
07/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver avviato la giornata in netto rialzo, trascinati dall’intensificarsi del clima di tensione tra Usa e Iran, nella serata di ieri i prezzi del petrolio sono rimasti stabili a 63 dollari al barile e il Brent a 68,5 dollari. Secondo gli esperti non è scontato che la conseguenza dell’attacco Usa contro l’Iran sia l’interruzione delle forniture di petrolio. Tuttavia, il mercato petrolifero dovrebbe vedere un surplus di offerta nella prima metà del 2020 ma ogni difficoltà di trasporto può cambiare la situazione molto rapidamente. Secondo Ing “ogni deficit nella fornitura significherebbe la fine dei tagli alla produzione da parte dell’Opec e dei suoi alleati”. Inoltre, secondo Mediobanca, nuove potenziali sanzioni potrebbero ostacolare in modo significativo la capacità dell’Iraq di continuare le esportazioni verso i mercati internazionali, con un impatto significativo sul prezzo.  

Fonte: MF – Manuela Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]