Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Primo stop al rally del petrolio
07/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Dopo aver avviato la giornata in netto rialzo, trascinati dall’intensificarsi del clima di tensione tra Usa e Iran, nella serata di ieri i prezzi del petrolio sono rimasti stabili a 63 dollari al barile e il Brent a 68,5 dollari. Secondo gli esperti non è scontato che la conseguenza dell’attacco Usa contro l’Iran sia l’interruzione delle forniture di petrolio. Tuttavia, il mercato petrolifero dovrebbe vedere un surplus di offerta nella prima metà del 2020 ma ogni difficoltà di trasporto può cambiare la situazione molto rapidamente. Secondo Ing “ogni deficit nella fornitura significherebbe la fine dei tagli alla produzione da parte dell’Opec e dei suoi alleati”. Inoltre, secondo Mediobanca, nuove potenziali sanzioni potrebbero ostacolare in modo significativo la capacità dell’Iraq di continuare le esportazioni verso i mercati internazionali, con un impatto significativo sul prezzo.  

Fonte: MF – Manuela Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]