Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Prima intesa Ue sui gas serra
01/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Sulle emissioni dell’industria i ministri europei dell’Ambiente hanno deciso ieri una linea più dura (in apparenza) che aiuta (nei fatti) i grandi produttori di anidride carbonica. Non a caso l’Italia, rappresentata dal ministro Gian Luca Galletti, ha tentato di frenare le posizioni massimaliste di alcuni Paesi interessati a proteggere la loro industria nazionale a scapito dell’ambiente. Ma il processo di decisione non è chiuso. Il testo concordato dai ministeri europei dovrà essere negoziato con quelli, differenti, della Commissione di Bruxelles e del Parlamento europeo di Strasburgo per arrivare a una sintesi che accontenti tutti. Ieri sera a Bruxelles i ministri dell’Ambiente della Ue, hanno raggiunto una posizione comune sul mercato delle emissioni di gas a effetto serra. Bisogna riformare il mercato delle emissioni di anidride carbonica, il gas che si sviluppa dai processi di combustione, accusato di trattenere il calore nell’atmosfera, riscaldandola fino a cambiare il clima. Il mercato europeo delle emissioni si chiama Ets (Emissions Trading Scheme) e deve essere aggiornato per i prossimi dieci anni. L’obiettivo della riforma dell’Ets è ridurre del 43% le emissioni di CO2 rispetto ai livelli del 2005. Questo è l’obiettivo che s’è data l’Europa dopo l’Accordo di Parigi di un anno fa. I passi più contesi sono quelli sulle compensazioni ai settori industriali penalizzati nella competizione dalle norme sulle emissioni. Vanno compensati per esempio i costi indiretti (che riguardano soprattutto le imprese italiane) e bisogna decidere come assegnare le quote gratuite di emissione utili per ridurre i divari competitivi, altrimenti si ottiene l’effetto opposto e si aiutano i Paesi meno efficienti e più inquinanti.

Fonte: Il Sole 24Ore – Jacopo Giliberto (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]