Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Il prezzo del gas resta un peso per le imprese”
24/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

Paolo Culicchi, presidente del consorzio confindustriale Gas Intensive, nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione che si è svolta ieri, ha sottolineato che per i settori manifatturieri del consorzio il costo del gas e di qualsiasi accessorio a esso connesso è un fattore di competitività e le aziende italiane si confrontano spesso, a livello internazionale, con imprese che hanno prezzi dell’energia nettamente più bassi. Il differenziale di prezzo con il Ttf si è andato significativamente riducendo, ma resta ancora uno scarto di quasi 2 euro per megawattora, il 13% sul valore 2016. Se tale differenza fosse azzerata si produrrebbero 1,2 miliardi di euro di benefici, di cui 430 milioni solo per il sistema industriale. Per ottenere questi benefici sono necessari una serie di misure da inserire in una logica di sistema, secondo Massimo Beccarello, vicedirettore delle politiche industriali di Confindustria. In tal senso viene dato pieno sostegno alla proposta del Ministro Calenda di un corridoio di liquidità, ma solo all’interno di una strategia integrata che contempli anche un migliore uso delle infrastrutture. Le direttrici su cui lavorare sono diverse. Purché, incalzano le aziende, il residuo differenziale venga superato. Secondo il presidente di Assocarta, Girolamo Marchi, occorre agire sugli oneri di sistema «già molto elevati e che rischiano di crescere per il futuro» e «c’è bisogno di certezza del diritto, di stabilità delle leggi, di regolamentazioni che siano applicabili per il lungo periodo».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa& territori – Celestina Dominelli (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]