Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dai prezzi all’idrogeno, i nodi da sciogliere per rafforzare il sistema
27/12/2019 - Pubblicato in news nazionali

L’Italia, grazie alla geografia, ha una vocazione naturale a fare interconnessioni nell’energia. Con 75 miliardi di metri cubi consumati nel 2019 è il secondo mercato del gas in Europa dopo la Germania, volume importato per lo più dall’estero attraverso il sistema più diversificato nel continente. Per fare un hub del gas solido, occorre un abbondante ed efficiente sistema di stoccaggio, e l’Italia ne ha uno tra i più grandi. In sostanza le condizioni esistono da tempo, tuttavia nonostante la presenza di condizioni favorevoli l’hub italiano è ancora indietro rispetto ai concorrenti più sviluppati. Il prezzo italiano, Psv, è strutturalmente più alto di 2€ per megawattora rispetto Ttf, scarto pagato dai consumatori finali. A giudicare dall’abbondanza di capacità e della numerosità di forniture, i prezzi italiani dovrebbero essere non solo uguali, ma addirittura inferiori a quelli del Nord Europa. Quello che manca è una maggior facilità nel trovare partite sul mercato spot. Non aiuta che la gran parte della capacità è impegnata da contratti a lungo termine e che la produzione interna è in calo. Guardando al futuro le due sfide de sistema gas italiano sono quella di catturare il transito delle enormi riserve scoperte nel Mediterraneo e quella di contribuire alla decarbonizzazione. Il sistema Italia è pronto per la rivoluzione.  

Fonte: Il Sole 24 Ore – Davide Tabarelli (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]