Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I prezzi e la guerra dei dazi frenano la domanda di petrolio
05/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Oltre alle forniture extra promesse dall’Arabia Saudita e dalla Russia, c’è un altro fattore che nei prossimi mesi potrebbe raffreddare il prezzo del petrolio. La domanda, dopo anni di crescita record, inizia a mostrare segnali di debolezza. Ed è una notizia di cui non c’è da rallegrarsi. A sostenere la crescita dei consumi petroliferi sono stati finora soprattutto la buona salute dell’economia globale e i costi ridotti. Il Brent è rincarato di quasi il 70% nell’ultimo anno, arrivando a 80 dollari al barile, e i rincari hanno cominciato a trasmettersi a valle, con bollette e pieni di carburanti più salati in tutto il mondo. Intanto le guerre commerciali iniziano a pesare sugli scambi. Siamo solo agli inizi. Domani gli Usa dovrebbero imporre nuovi dazi per 34 miliardi di dollari contro la Cina; Pechino ha già approntato ritrorsioni, minacciando di colpuire in futuro anche il petrolio americano. Gli acquisti cinesi di greggio Usa stanno già rallentando. Tra maggio  e giugno l’import asiatico è tornato ai livelli del 2016: 19,3 mbg in media, contro i 20,2 mbg di un anno fa. La contrazione è legata anche al crollo dei margini di raffinazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]