Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I prezzi e la guerra dei dazi frenano la domanda di petrolio
05/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Oltre alle forniture extra promesse dall’Arabia Saudita e dalla Russia, c’è un altro fattore che nei prossimi mesi potrebbe raffreddare il prezzo del petrolio. La domanda, dopo anni di crescita record, inizia a mostrare segnali di debolezza. Ed è una notizia di cui non c’è da rallegrarsi. A sostenere la crescita dei consumi petroliferi sono stati finora soprattutto la buona salute dell’economia globale e i costi ridotti. Il Brent è rincarato di quasi il 70% nell’ultimo anno, arrivando a 80 dollari al barile, e i rincari hanno cominciato a trasmettersi a valle, con bollette e pieni di carburanti più salati in tutto il mondo. Intanto le guerre commerciali iniziano a pesare sugli scambi. Siamo solo agli inizi. Domani gli Usa dovrebbero imporre nuovi dazi per 34 miliardi di dollari contro la Cina; Pechino ha già approntato ritrorsioni, minacciando di colpuire in futuro anche il petrolio americano. Gli acquisti cinesi di greggio Usa stanno già rallentando. Tra maggio  e giugno l’import asiatico è tornato ai livelli del 2016: 19,3 mbg in media, contro i 20,2 mbg di un anno fa. La contrazione è legata anche al crollo dei margini di raffinazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]