Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pressioni americane sull’Opec. Petrolio ai minimi da un mese
06/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

A oltre un mese dal messaggio in cui il presidente americano accusava l’Opec di mantenere i prezzi del petrolio “artificialmente molto alti”, gli Stati Uniti continuano a spingere per ottenere un’attenuazione dei tagli produttivi. L’Arabia Saudita e altri Paesi membri del gruppo sono stati contattati dall’amministrazione Usa, che sta chiedendo secondo Bloomberg un incremento di produzione di un milione di barili al giorno. L’Arabia Saudita e il principale alleato non Opec, la Russia, un paio di settimane fa si erano dette pronte ad aumentare gradualmente l’offerta di greggio. Le interferenze di Washington promettono di essere un tema scottante al prossimo vertice dell’Opec, il 22 giugno a Vienna. Tuttavia le azioni concrete di Riad per ora smentiscono il sospetto di un’eccessiva condiscendenza.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]