Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pressioni americane sull’Opec. Petrolio ai minimi da un mese
06/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

A oltre un mese dal messaggio in cui il presidente americano accusava l’Opec di mantenere i prezzi del petrolio “artificialmente molto alti”, gli Stati Uniti continuano a spingere per ottenere un’attenuazione dei tagli produttivi. L’Arabia Saudita e altri Paesi membri del gruppo sono stati contattati dall’amministrazione Usa, che sta chiedendo secondo Bloomberg un incremento di produzione di un milione di barili al giorno. L’Arabia Saudita e il principale alleato non Opec, la Russia, un paio di settimane fa si erano dette pronte ad aumentare gradualmente l’offerta di greggio. Le interferenze di Washington promettono di essere un tema scottante al prossimo vertice dell’Opec, il 22 giugno a Vienna. Tuttavia le azioni concrete di Riad per ora smentiscono il sospetto di un’eccessiva condiscendenza.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ceer-Acer, le raccomandazioni per la nuova legislazione gas

Aggiornare la legislazione e la regolazione comunitaria sul gas per facilitare la decarbonizzazione del settore energetico, promuovere un mercato interno dell’energia competitivo e massimizzare le opportunità del sector coupling
[leggi tutto…]

Green new deal, la Speranza per il futuro

La Banca europea per gli investimenti ha approvato la nuova politica per l’energia.
[leggi tutto…]

Primato mondiale per petrolio e gas

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande produttore di petrolio al mondo, oltre che di gas naturale
[leggi tutto…]