Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pressing americano sull’Opec: prezzi giù. L’Iran grande assente
21/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Con il brent che punta verso 80 dollari al barile, vicino ai massimi da quattro anni, e in vista di un’importante riunione tecnica dell’Opec erano in molti a scommettere che Donald Trump non avrebbe resistito alla tentazione: un nuovo tweet è infatti puntualmente arrivato: <<Il monopolio dell’Opec deve abbassare i prezzi ora! >> ha intimato il presidente Usa. I tweet del presidente finora sono stati privi di efficacia: l’Arabia Saudita in particolare fino alla primavera scorsa era molto ferma nella necessità di proseguire con i tagli produttivi. Ma ha fatto una rapida inversione a U dopo che Trump ha stracciato gli accordi sul nucleare iraniano e ha cominciato a pretendere forniture extra. Sauditi e russi da soli hanno già riportato sul mercato circa 800mila bg. Ora Washington vorrebbe ancora di più. La riunione Opec - non Opec di domenica ad Algeri ha assunto un’importanza cruciale ed è probabile che si discuterà anche della necessità di ulteriori incrementi. Tra gli assenti spicca però l’Iran, che ha dato forfait e ora riapre la polemica col gruppo. <<Le decisioni possono essere prese solo ai vertici Opec, alla presenza di tutti i membri e all’unanimità >>, ha dichiarato il ministro del Petrolio Bijan Zanganeh, annunciando il suo veto a qualunque proposta <<che minacci anche minimamente gli interessi nazionali dell’Iran>>.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]

Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”
[leggi tutto…]