Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pressing americano sull’Opec: prezzi giù. L’Iran grande assente
21/09/2018 - Pubblicato in news internazionali

Con il brent che punta verso 80 dollari al barile, vicino ai massimi da quattro anni, e in vista di un’importante riunione tecnica dell’Opec erano in molti a scommettere che Donald Trump non avrebbe resistito alla tentazione: un nuovo tweet è infatti puntualmente arrivato: <<Il monopolio dell’Opec deve abbassare i prezzi ora! >> ha intimato il presidente Usa. I tweet del presidente finora sono stati privi di efficacia: l’Arabia Saudita in particolare fino alla primavera scorsa era molto ferma nella necessità di proseguire con i tagli produttivi. Ma ha fatto una rapida inversione a U dopo che Trump ha stracciato gli accordi sul nucleare iraniano e ha cominciato a pretendere forniture extra. Sauditi e russi da soli hanno già riportato sul mercato circa 800mila bg. Ora Washington vorrebbe ancora di più. La riunione Opec - non Opec di domenica ad Algeri ha assunto un’importanza cruciale ed è probabile che si discuterà anche della necessità di ulteriori incrementi. Tra gli assenti spicca però l’Iran, che ha dato forfait e ora riapre la polemica col gruppo. <<Le decisioni possono essere prese solo ai vertici Opec, alla presenza di tutti i membri e all’unanimità >>, ha dichiarato il ministro del Petrolio Bijan Zanganeh, annunciando il suo veto a qualunque proposta <<che minacci anche minimamente gli interessi nazionali dell’Iran>>.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]