Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Sulle politiche per energia e clima nessun indietreggiamento”
12/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il ministro Calenda, intervistato in merito al mancato accordo del G7 ha affermato che il passo indietro degli Usa non è un fallimento perché sei Paesi su sette, e l’Unione europea, hanno ribadito in modo fermo la loro volontà di rispettare gli obiettivi. Si è preso atto invece che l’amministrazione Trump sta rivedendo molte delle sue politiche, tra cui quelle legate al cambiamento climatico e all’Accordo di Parigi. I dirigenti Ue hanno lasciato aperta la porta in modo che nel prossimo vertice a Taormina la nuova amministrazione possa pronunciarsi su questa tematica. In merito al gasdotto Tap, il ministro ha confermato l’importanza strategica del gas

per ridurre le emissioni e accompagnare il phase out del carbone. Rimarrà un’energia di transizione finché non sarà risolto il problema dell’intermittenza delle energie rinnovabili. Il Tap da questo punto di vista è cruciale per la sicurezza energetica italiana, anche perché rappresenta una diversificazione delle fonti. Poiché la dipendenza europea delle forniture di gas dalla Russia resta notevole, è fondamentale promuovere nuove fonti di approvvigionamento, come il progetto di gasdotto EastMed da Israele, e le possibilità di far arrivare in Europa carichi di Gnl dagli Usa e in futuro anche dal Canada.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Carmine Fotina (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]